< TORNA AL BLOG

I metodi produttivi del gin

Cosa rende i Gin così diversi fra loro? Ci sono tante variabili durante la produzione che creano prodotti sempre unici: la qualità dell’alcol solvente, le spezie, la lunghezza dell’infusione e della distillazione, insieme alla scelta della capienza dell’alambicco, sempre e comunque discontinuo.

Spezie e botaniche - tra infusione e distillazione

Il metodo tradizionale più utilizzato durante i processi produttivi è quello dell’infusione, conosciuto come steeping, che prevede, per l'appunto, l’infusione delle botaniche e la successiva distillazione. Il processo può essere di pochi minuti, per ottenere un prodotto delicatamente profumato, fino ad arrivare a tre giorni per ottenere un prodotto audace dal profumo più deciso. 

Altrettanto fondamentale è la durata della distillazione, che incide sull'aromaticità del Gin. Alcune distillerie, per preservare al meglio le botaniche più delicate, le filtrano utilizzano speciali bag all’interno della caldaia. In questo modo distillano la sola infusione, senza la materia solida. Altre che utilizzano mix di spezie  con una texture più consistente fanno bollire i componenti per estrarre al meglio i principi aromatici. 

C'è anche una terza via: il racking. Si appendono dei cestelli con all’interno le botaniche sopra l’alcol da distillare, sfruttando la capacità estrattiva dei vapori caldi.

Nuove frontiere di produzione del Gin

I produttori di Gin, nonostante la storia antica e la tradizione, non hanno smesso di innovare e trovare nuove soluzioni.
La distillazione sottovuoto e a freddo sono due esempi tipici delle nuove metodologie applicate al settore. Sono sistemi molto costosi, ma se ci troviamo a trattare spezie, fiori o principi aromatici delicati è il modo migliore per far sprigionare al meglio le loro fragranze. Le temperature usate sono tra i 25 e i 60 gradi nel sottovuoto e di 5 nelle metodologie a freddo.

Gli stili

I gin possono differire fortemente e non è sempre possibile classificarli. Quelli considerati classici sono:

London Dry Gin: il più classico stile inglese. Prodotto da distillazione e senza l'aggiunta di elementi artificiali come aromi o colori.

Old Tom Gin: è uno stile meno nobile, perchè originariamente utilizzava più zuccherei e aromi per nascondere delle basi meno pure. Veniva utilizzata, ad esempio, più liquirizia e l'uso dello zucchero era maggiormente libero. Lo stile non è ovviamente più molto popolare.

Plymouth Gin: è l’unica D.O.C. del gin, viene prodotto solo nell’area dell’omonima città. Le botaniche, le loro quantità e la distillazione sono regolate da un disciplinare. 

Sloe Gin: tradizionale inglese, poco presente nei mercati stranieri. Prevede l’infusione nel classico liquido ottenuto per distillazione di prugnole selvatiche.

Poi ci sono blend, metodi misti, prodotti "particolari", prodotti di ginepro come il Jenever.. Non ti resta che scoprirli!

SCOPRI GLI ULTIMI ARTICOLI DAL BLOG

Gin
8 curiosità sul gin che forse non conosci

Il gin è diventato, negli anni, una delle bevande più popolari nel mondo. La sua storia secolare crea numerose storie e curiosità a riguardo, che […]

SELEZIONA
Gin
I cinque ingredienti più strani usati nel gin

La nostra box di Giugno, arrivata a casa vostra in questi giorni, contiene Blackmouth, un gin dalla grande complessità di sapori e profumi. Alessandro, il […]

SELEZIONA
Gin
Dietro le quinte: conosciamo il creatore di Piero Dry Gin

Dietro ad ogni gin, dietro al prodotto, ci sono processi creativi, ci sono storie, ci sono persone. Siamo entrati in contatto con il mondo di […]

SELEZIONA
crossmenu
  • Iscriviti
Hai perso la tua password? Inserisci il tuo nome utente o indirizzo email. Ti invieremo un link per crearne una nuova.
0
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram